Museo Emile Van Doren

Casa dell'arte e del paesaggio

Zicht op de Molenvijver van Joseph Coosemans (detail)

Un tempo, Genk era un vero e proprio villaggio di pittori. Alla fine del XIX secolo, i più importanti pittori paesaggisti provenienti da altre località del Belgio e da ogni dove, si recavano a Genk per immortalare il paesaggio desolato; ancor oggi è possibile scoprire questi luoghi caratteristici.

Genk Emile van Doren De Bloei van de gagel

Museo Emile Van Doren

Il Museo Emile Van Doren è ospitato nella villa Le Coin Perdu, residenza e atelier del pittore paesaggista Emile Van Doren. L’edificio venne progettato dall'architetto Adrien Blomme. Gli arredi originali, gli oggetti ornamentali e i numerosi dipinti sono stati conservati nel loro contesto originario. Il Museo Emile Van Doren è un museo vivo, che non volge solo lo sguardo al passato ma sviluppa anche un'operazione attuale e contemporanea. 

La fioritura del mirto - Emile Van Doren (1865-1949)

Nato nel 1865, Emile Van Doren crebbe a Bruxelles, nei pressi della Chiesa di Nostra Signora della Cappella. Ebbe occasione di ammirare per la prima volta la bellezza di Kempen nel 1890, dopo una visita a Genk, città amata dagli artisti per via dei suoi paesaggi particolarmente pittoreschi. Van Doren affermò addirittura che Genk era fatta per essere dipinta, un'affermazione che definirà la sua vita futura. Si trasferì quindi a Genk dove conobbe colei che divenne sua moglie, Cidonie Raikem. Fu talmente affascinato da questi splendidi paesaggi, da renderli una costante della sua opera. Anche La fioritura del mirto è il risultato di questo fenomeno. La ricca gamma cromatica, unita a una caratteristica tecnica pittorica, esalta la vivacità degli elementi.

Genk Herman Richir Portret van Emile van Doren
Emile Van Dorenmuseum

Ritratto di Emile Van Doren - Herman Richir (1866-1942)

All’interno del Museo Emile Van Doren, si può ammirare anche la raffinata ritrattistica di Herman Richir. Nella villa Le Coin Perdu sono esposti due dei suoi ritratti, tra cui quello di Emile Van Doren. Non è un caso, dunque, che questo ritratto faccia parte del Museo Emile Van Doren, dato che i due erano amici. Richir veniva spesso in visita a Genk, dove amava fermarsi a dipingere i paesaggi di Kempen. Tuttavia, prediligeva la pittura di ritratti, nature morte, opere di genere, nudi e pezzi decorativi.

Ritratto di Cidonie Raikem - Herman Richir (1866-1942)

Cidonie Raikem gestiva una locanda sulla Statiestraat a Genk. Nel 1898, Emile Van Doren la sposò e insieme trasformarono la locanda in un Hotel des Artistes, che divenne un luogo di incontro in cui dare libero sfogo alla creatività. Artisti, scrittori e turisti arrivavano da ogni dove per soggiornarvi.

Emile Van Dorenmuseum

Vista sul Molenvijver - Joseph Coosemans

Questo dipinto di Joseph Coosemans mostra il paesaggio paludoso del Molenvijver nel 1891. Sullo sfondo si vede il villaggio agricolo Kempen di Genk e la celebre torre a punta della chiesa di San Martino, soggetto ricorrente nei dipinti. A pochi passi dal museo è ancora possibile riconoscere il luogo raffigurato.

Informazioni pratiche

Indirizzo

Henri Decleenestraat 21
3600 Genk
Belgio
Visualizza le indicazioni

Orari di apertura

  • Dal mercoledì alla domenica dalle 13.30 alle 17.30.

Accessibilità

  • Parzialmente accessibile alle persone con disabilità.
     

Informazioni utili

  • Ingresso gratuito
     

Altri siti nelle vicinanze

Sint-Martinuskerk Berg
La chiesa più antica di Berg è un bellissimo esempio di architettura romanica. Fermatevi ad ammirare l'architettura e le opere d'arte custodite al suo interno.